Dick Fosbury hot

Guardate il gesto…..bello….lo avrete fatto tantissime volte in pista al Frisi, nell’Atletica Leggera molti Campioni hanno battuto dei record correndo più veloce o saltando o lanciando più lontano ma solo una persona ha fatto la storia stravolgendo la tecnica esistente e portando avanti senza paura le proprie convinzioni, quest’uomo è

Dick Fosbury

Il 1968 è l’anno delle contestazioni giovanili e delle rivolte studentesche, di Berkeley, di Parigi e delle loro ramificazioni in tutto il mondo. Il vento della controcultura investe anche lo sport: in un’edizione dei Giochi particolarmente intrecciata con la politica, Dick Fosbury, grazie a un volo all’indietro, proietta il salto in alto in un’altra dimensione assurgendo a icona senza tempo. La sua parabola affonda le radici nello Stato dell’Oregon, il cui motto Alis Volat Propriis (vola con le proprie ali) si può facilmente interpretare come un profetico segno del destino.

L’approccio con il salto in alto è desolante: dopo essersi arenato a 1.63 con lo stile in voga allora, il ventrale, il dinoccolato Dick Fosbury chiede al suo allenatore del liceo di Medford il permesso di provare con l’antiquata tecnica della forbice. Qualche infinitesimale progresso si manifesta, ma la scintilla scocca in un meeting del secondo anno quando si accorge che, sollevando le anche, le spalle arretrano e la schiena tende ad appiattirsi sull’asticella. In una disciplina dove i miglioramenti sono esigui, lui si migliora di 15 centimetri in un colpo solo. Gli studi ingegneristici aiutano Dick a perfezionare il suo salto, ribattezzato dalla stampa locale Fosbury Flop; con la casacca arancione dei Beavers, la squadra della Oregon State University, conquista il titolo NCAA e strappa l’ultimo pass per le Olimpiadi di Città del Messico ai selettivissimi Trials americani. Il suo nome comincia a circolare, ma i giudizi sono contrastanti: qualcuno scrive che il cielo è il suo unico limite, altri lo paragonano a un pesce appena pescato che si dimena sul fondo della barca.

Dick Fosbury negli anni universitari
Credit Foto Getty Images

La notte perfetta

In Messico tutti fremono dalla curiosità di vederlo all’opera, ma lui sfugge i riflettori, riottoso all’etichetta di fenomeno da baraccone. Alla cerimonia inaugurale dei Giochi nemmeno si palesa: il giorno prima raggiunge infatti l’antica città di Teotihuacan a bordo del minibus Volkswagen del compagno d’Università Gary Stenlund. Nella cornice di uno dei siti archeologici più suggestivi al mondo i due inseparabili amici partecipano alla memorabile festa per il passaggio della torcia olimpica e trascorrono la notte ai piedi della Piramide della Luna in compagnia delle nuotatrici Cynthia Goyette e Donna De Varona. Fosbury confesserà di non ricordare nulla di quella notte, noi possiamo solo intuire quale grado d’intensità abbia raggiunto la socializzazione all’interno di quel camper. Il conto alla rovescia sta per finire: due settimane dopo quella notte perfetta è già tempo di scendere in pedana.

Un alieno in pedana: l’oro a Città del Messico

Fermo immagine: Fosbury si presenta sulla pedana dell’Estadio Olímpico Universitario; indossa due scarpini di colore diverso, dondola avanti e indietro con il corpo, apre e stringe i pugni compulsivamente durante i preparativi del salto e disegna un’inusuale traiettoria semicircolare con la rincorsa. Gli spettatori si prendono beffe di lui, ma le risate si tramutano in applausi quando l’atleta supera tutte le misure al primo tentativo sino a 2.22, valicando l’asticella in senso contrario rispetto agli avversari. Il pubblico ne è talmente abbagliato, che quando il maratoneta etiope Mamo Wolde fa il suo ingresso nello stadio quasi nessuno gli presta attenzione. Il terzo salto a 2.24 è fatto della materia dei sogni: il 21enne di Medford stampa record statunitense e record olimpico, si mette al collo la medaglia d’oro e fissa i nuovi canoni della disciplina. D’ora in poi a dettare legge sarà il Fosbury Flop.

       

Leave A Comment

Recent Posts

 
Open day!!!
Corsi 2020/21
Ron Clarke
RON CLARKE, CHE VINSE ANCHE PERDENDO di Marco Tarozzi La medaglia d’oro olimpica, quella che non vinse mai sulle piste d’atletica, arrivò in modo speciale. E con una dedica altrettanto speciale. Luglio del 1966, Ron Clarke, l’uomo che demoliva record mondiali senza riuscire ad essere il migliore alle Olimpiadi, era stato invitato al meeting di
Steave Prefontaine
IL DONO Steve Prefontaine Oggi Pre avrebbe quasi settant’anni. Non possiamo immaginare con esattezza quello che sarebbe stato nella vita: probabilmente un importante dirigente dell’azienda che contribuì a lanciare col suo nome, il suo volto e la sua iniziativa, e che oggi è diventata una multinazionale dello sport. Sappiamo, in ogni caso, che avrebbe messo
AM Racconta “Henry Rono”
Henry Rono il campione che annegò nell’alcool Talento assoluto, stupì il mondo stabilendo quattro record mondiali in pista in ottantuno giorni per poi perdersi e rinascere da uomo libero. Lo hanno ritrovato così, l’uomo che in 80 giorni aveva rivoluzionato le gerarchie del mezzofondo mondiale. Grazie a una foto sulla prima pagina del quotidiano di
Powell e Lewis, il salto…lunghissimo dei mondiali del 1991
Un salto di Powell ai Mondiali di Tokyo 1991 – da tagesspiegel.de articolo di Giovanni Manenti Quando il 18 ottobre 1968 l’alto e dinoccolato statunitense di colore Bob Beamon saltò m.8,90 al primo tentativo nella finale dei Giochi Olimpici di Città del Messico, demolendo il precedente record mondiale di m.8,35 detenuto dal connazionale Ralph Boston e dal russo Igor Ter-Ovanesian, i cronisti dell’epoca
Dick Fosbury
Guardate il gesto…..bello….lo avrete fatto tantissime volte in pista al Frisi, nell’Atletica Leggera molti Campioni hanno battuto dei record correndo più veloce o saltando o lanciando più lontano ma solo una persona ha fatto la storia stravolgendo la tecnica esistente e portando avanti senza paura le proprie convinzioni, quest’uomo è Dick Fosbury Il 1968 è l’anno delle
Uno sprint nel futuro:Filippo Tortu – Olympia | Radio 24
Nella terza puntata di AM Racconta proponiamo una coppia di velocisti Italiani, uno del presente ed uno del passato. Parleremo di Filippo Tortu che tutti voi conoscete attraverso le parole del leggendario Livio Berruti, Campione Olimpico dei 200m di Roma 1960. Seguiamo il racconto di Berruti attraverso la puntata di Olympia, programma radiofonico di Radio
Emil Zátopek – la locomotiva umana
Ciao a tutti come ben sapete quest’anno le Olimpiadi di Tokyo non si svolgeranno, quindi abbiamo pensato di rimanere nello spirito olimpico e raccontarvi nella nostra rubrica AM Racconta quanto realizzato 68 anni fa da un piccolo campione Cecoslovacco alle Olimpiadi di Helsinki e soprattutto della sua incredibile vita. L’atleta di questa puntata è Emil
Ernesto Ambrosini un campione monzese
Ciao a tutti L’Atletica Monza da questa settimana e per ogni lunedì, uscirà sui nostri social con una nuova rubrica sulla storia del nostro sport. Vi coinvolgeremo con brevi letture sulla storia di campioni  del passato o filmati di personaggi e competizioni che hanno emozionato gli appassionati diventando esempi  per quegli atleti che a loro

Chi siamo

 

Atletica Monza si propone l'insegnamento e l'allenamento di tutte le specialità atletiche, dai bambini fino ai master. Ogni attività è strutturata in modo da tener conto dell'età e delle esigenze delle singole persone. Lo Staff Tecnico è composto da docenti di Scienze Motorie ed Allenatori con brevetto rilasciato dalla Federazione Atletica Italiana.

Contatti rapidi

 

Per domande, dubbi o curiosità non esitate a contattarci!

Email: segreteria@atleticamonza.it
Sede legale: Via Quintino Sella 7, 20900 Monza MB