Italiani Mezza, che FrecciaRossi!

IMG-20160306-WA0009Le speranze c’erano. Come sempre quando corre lei, che da più di un decennio spesso ci regala soddisfazioni sulle medie e lunghe distanze. Ma, oggi, Chiara Rossi si è superata. Alla Mezza Maratona di Fucecchio (Firenze), sede dei Campionati Italiani Assoluti, ha terminato i 21,097 km in 1h20:20! Personale migliorato di 3 minuti e 14esimo posto nella classifica tricolore. Insomma è stata proprio la gara di FrecciaRossi!
Le nuvole nere e l’intensa pioggia di ieri non promettevano nulla di buono in terra di Toscana. Alla partenza, però, Chiara ha impostato subito a gran ritmo. Vista la partenza posticipata dei maschi, i punti di riferimento avanti a lei erano nomi femminili di tutto rispetto. C’erano Rosaria Console, che poi ha vinto il titolo, Claudia Pinna, Giovanna Epis, Elisa Desco, Nicole Reina, ma soprattutto Ivana Iozzia. Che, nei primi chilometri di un percorso pianeggiante, è ‘servita’ a Chiara per correre con una media di 3 minuti e 44 secondi al chilometri. Il passaggio ai 5,5 km è, infatti, di 20 minuti e 21 secondi. La nostra atleta procede, poi, con la sua consueta regolarità. Anche la Iozzia cede e alla fine arriverà a circa un minuto dalla Rossi. Che, invece, non guarda in faccia nessuna, non si fa spaventare da qualche goccia di pioggia e mantiene il suo ritmo. Solo dopo il traguardo si rende conto di quanto è riuscita a fare. Un’ora, 20 minuti e 20 secondi! Un tempo su cui non avrebbe scommesso nemmeno lei alla vigilia.
A Fucecchio, la città di Alessandro Lambruschini, negli anni Novanta oro europeo e bronzo olimpico nei 3000 metri siepi, l’Atletica Monza non ha schierato solo Chiara Rossi. A farle una più che buona compagnia ci hanno pensato Filippo Panza (1h:28:24) e Alessandra Arcuri (1h29:58), autori di una gara sicuramente dignitosa. La piccola delegazione brianzola in Toscana non ha potuto contare sulla presenza dell’allenatore Achille Fecchio. Un malore dell’ultimo minuto lo ha tenuto a casa. La sua gioia, però, è grande. E via telefonino si è fatta sentire nel tragitto di ritorno a Monza. Le prossime sfide attendono anche lui. La stagione estiva è ormai alle porte!
Filippo Panza

IMG-20160306-WA0001IMG-20160306-WA0007

Leave A Comment

Recent Posts

 
Ron Clarke
RON CLARKE, CHE VINSE ANCHE PERDENDO di Marco Tarozzi La medaglia d’oro olimpica, quella che non vinse mai sulle piste d’atletica, arrivò in modo speciale. E con una dedica altrettanto speciale. Luglio del 1966, Ron Clarke, l’uomo che demoliva record mondiali senza riuscire ad essere il migliore alle Olimpiadi, era stato invitato al meeting di
Steave Prefontaine
IL DONO Steve Prefontaine Oggi Pre avrebbe quasi settant’anni. Non possiamo immaginare con esattezza quello che sarebbe stato nella vita: probabilmente un importante dirigente dell’azienda che contribuì a lanciare col suo nome, il suo volto e la sua iniziativa, e che oggi è diventata una multinazionale dello sport. Sappiamo, in ogni caso, che avrebbe messo
AM Racconta “Henry Rono”
Henry Rono il campione che annegò nell’alcool Talento assoluto, stupì il mondo stabilendo quattro record mondiali in pista in ottantuno giorni per poi perdersi e rinascere da uomo libero. Lo hanno ritrovato così, l’uomo che in 80 giorni aveva rivoluzionato le gerarchie del mezzofondo mondiale. Grazie a una foto sulla prima pagina del quotidiano di
Powell e Lewis, il salto…lunghissimo dei mondiali del 1991
Un salto di Powell ai Mondiali di Tokyo 1991 – da tagesspiegel.de articolo di Giovanni Manenti Quando il 18 ottobre 1968 l’alto e dinoccolato statunitense di colore Bob Beamon saltò m.8,90 al primo tentativo nella finale dei Giochi Olimpici di Città del Messico, demolendo il precedente record mondiale di m.8,35 detenuto dal connazionale Ralph Boston e dal russo Igor Ter-Ovanesian, i cronisti dell’epoca
Dick Fosbury
Guardate il gesto…..bello….lo avrete fatto tantissime volte in pista al Frisi, nell’Atletica Leggera molti Campioni hanno battuto dei record correndo più veloce o saltando o lanciando più lontano ma solo una persona ha fatto la storia stravolgendo la tecnica esistente e portando avanti senza paura le proprie convinzioni, quest’uomo è Dick Fosbury Il 1968 è l’anno delle
Uno sprint nel futuro:Filippo Tortu – Olympia | Radio 24
Nella terza puntata di AM Racconta proponiamo una coppia di velocisti Italiani, uno del presente ed uno del passato. Parleremo di Filippo Tortu che tutti voi conoscete attraverso le parole del leggendario Livio Berruti, Campione Olimpico dei 200m di Roma 1960. Seguiamo il racconto di Berruti attraverso la puntata di Olympia, programma radiofonico di Radio
Emil Zátopek – la locomotiva umana
Ciao a tutti come ben sapete quest’anno le Olimpiadi di Tokyo non si svolgeranno, quindi abbiamo pensato di rimanere nello spirito olimpico e raccontarvi nella nostra rubrica AM Racconta quanto realizzato 68 anni fa da un piccolo campione Cecoslovacco alle Olimpiadi di Helsinki e soprattutto della sua incredibile vita. L’atleta di questa puntata è Emil
Ernesto Ambrosini un campione monzese
Ciao a tutti L’Atletica Monza da questa settimana e per ogni lunedì, uscirà sui nostri social con una nuova rubrica sulla storia del nostro sport. Vi coinvolgeremo con brevi letture sulla storia di campioni  del passato o filmati di personaggi e competizioni che hanno emozionato gli appassionati diventando esempi  per quegli atleti che a loro

Chi siamo

 

Atletica Monza si propone l'insegnamento e l'allenamento di tutte le specialità atletiche, dai bambini fino ai master. Ogni attività è strutturata in modo da tener conto dell'età e delle esigenze delle singole persone. Lo Staff Tecnico è composto da docenti di Scienze Motorie ed Allenatori con brevetto rilasciato dalla Federazione Atletica Italiana.

Contatti rapidi

 

Per domande, dubbi o curiosità non esitate a contattarci!

Email: segreteria@atleticamonza.it
Sede legale: Via Quintino Sella 7, 20900 Monza MB

Scarica i moduli 2019/20